giovedì 4 agosto 2011

Mal di denti secondo tempo

In ritardo ma vi aggiorno.
Nel caso in cui voi tutti stiate morendo dalla curiosità/siate affranti dal mio dolore e non possiate più vivere senza saperlo, sto meglio.
La notte dopo il tamponamento e la droga pesante non ho dormito.
E ho ponderato...
Ho odiato il mondo, i denti, VOI tutti che dormivate sereni, chi non dormiva perchè avrebbe potuto farlo, e ogni cosa vivente e non.
E ho fissato l'orologio.
Sono le 3.00, fra 5 ore chiamo la dentista.
Sono le 4.00, fra 4 ore chiamo la dentista.
E così via.
Alle 8.00 ho chiamato la dentista che, per cattiveria, è andata in ferie.
Ma mica al mare, mica vicino, in AMERICA è andata in ferie.
Perchè io può.

Decido allora di pianificare la mia felicità e impegnare il mio stipendio.
In 15 minuti ho mobilitato una ong, la cooperazione italiana, la comunità italiana di Maputo, quella di Beira e quella di Cape Town.
In 45 minuti avevo un aereo, una dentista e un tassista.
E non avevo più uno stipedio, ma son dettagli.

Chiaramente prenotando un aereo un'ora prima del decollo, con conseguente minaccia di morte alla donnina che riteneva che non ce l'avrei fatta a prendere l'aereo, trovi posto solo in EXECUTIVE class.
Lì una donnina solerte ti porta l'asciugamani rovente.
A me.
Una che avrebbe pagato oro una borsa col ghiaccio.
Dopo inizia a chiederti, ogni 45 secondi, se hai bisogno di qualcosa.
"no grazie"
"No grazie"
"NO"
"morfina ne avete?"

L'atterraggio a Maputo è stata un'esperienza mistica. Dire che ho visto la luce è poco.
Credevo sarei morta, ma la cosa mi tornerà utile nel raro caso in cui io decida di riprodurmi.
Scesa dall'aereo sono entrata direttamente nel taxy e 15 minuti dopo ero stesa in un lettino, in una stanza verde.
Io non so i vostri dentisti, ma il mio somiglia a Babbo Natale senza barba. E' grassoccio, con la faccia tonda, gli occhi piccoli, insomma non è che mentre fissi i tuoi denti riflessi nei suoi occhiali pensi a chiedergli di sposarlo...

La mia dentista era una specie di top- model in short e tacchi che zompettava felice della sua taglia 42.
E delle sue stupende treccine.
Io, che non dormivo da 72 ore, non masticavo da 96 e odiavo il mondo da tempo indeterminato, bianca morta da 3 giorni, con i capelli da stregacomandacolori e un abbigliamento sexy come non mai, mi sono sentita un attimo cessa.
Ma giusto un po'.
La tizia mi ha fatto sedere sulla super poltrona, mettendomi un bavaglino di plastica, gli occhiali da minatore e un coso in bocca che hanno potenziato di 100 punti le mie qualità seduttive.
Però, come tutti i dentisti, dopo che ti fanno spalancare le fauci, inseriscono l'aspirabava, inseriscono 3 mani, 12 strumenti e 4 trapani, iniziano a farti domande.
Per farti sentire cretina.
"Da quanti giorni hai il dolore?"
"acchio"
"Come?"
"ACCHIO"
"non capisco"
"ma va... Quacchio"
"Ahhh quattro! hai mangiato"
"Accosa"
"hai malattie? sei in salute?"
Ecco.
Lì davvero non sapevo che dire.
"Ma guardi ho la salmonellosi, un braccio nero, un tendine stirato, un ginocchio ammaccato, una discopatia. Per il RESTO tutto bene".
Ho mentito spudoratamente e ho risposto "Utto ene".
Dopo l'anestesia il mondo mi ha sorriso, sono diventata lesbica e profondamente innamorata della mia Naomi Campbell dentista, sono andata ad affogare i miei dispiaceri nelle calorie di una fetta di tramisù formato gigante e nello shopping.
Dopo 12000 calorie, 5 paia di orecchini, 3 borse, 2 collane e altri vari indespensabili acquisti ero un essere umano felice.

9 commenti:

  1. Ho appena vissuto un colossale déjà vù o è tutta roba che ho già sentito almeno venti volte? :P

    RispondiElimina
  2. una, ma sei acido e lamentoso e dici 20.
    Ecco.

    RispondiElimina
  3. anch'io voglio babbo Natale!

    RispondiElimina
  4. Oddio mi hai ricordato i miei due anni di dolore in Nordafrica!! (intanto ciao, sono nuova qui e collega expat). Io ho amato la mia dentista quando mi ha bucato dente, gengiva e cranio senza anestesia, ma finalmente liberata l'ho pure benedetta... Eh che soddisfazione fare certi lavori... Pure io mi sono fatta un volo dall'Africa all'Italia, ma meno costoso e precipitoso, forse perchè il moroso che l'ha organizzato ne sa più del diavolo, fossi stata io... Ma non funzionano le assicurazioni tipo Europe assistance o comunque quelle per viaggiatori? Nel mio caso le cause dei danni sono state dentisti poco interventisti (mica una volta sola... ogni studio ha la sua pecora nera e la becco sempre io...)

    RispondiElimina
  5. Ciao collega!
    Le assicurazioni ci sono, ma fanno di tutto per non pagare, i rimborsi per le spese dentistiche sono ridicoli e comunque ti pagano solo in caso di danno (quindi se cadi e ti spacchi un dente, se hai una carie fatti tuoi...).
    Il viaggio in Italia stavo per farmelo anch'io, ma avevo troppo dolore e non ce l'avrei fatta... E ti capisco quando dici che l'avresti benedetta dopo l'intervento senza anestesia, io l'avrei benedetta anche se mi avesse risposto "mi spiace, ti dobbiamo ABBATTERE" :P

    Ps complimenti anche a te, la tua non è delle destinazioni più semplici, deve essere stato impegnativo ed emozionante...

    RispondiElimina
  6. Sì, impegnativo abbastanza, soprattutto i primi tempi: nel 2007 la Libia era molto più sobria diciamo... e quando finalmente ho trovato la mia "dimenzione" ho dovuto staccarmene dolorosamente, tanto che non ne sono affatto staccata e - folle - non ne ho nemmeno l'intenzione...

    RispondiElimina
  7. Non credo sia folle, si ha sempre bisogno di trovare un posto chiamato "casa" :)

    RispondiElimina
  8. Sto morendo dal ridere, non ricordavo questo post!
    Be' anch'io una volta da Asmara sono tornata in Italia per una visita medica! E meno male!

    RispondiElimina
  9. Io sarei tornata in Italia volentieri, ma stavo veramente troppo male, non me la sentivo di affrontare 5 voli in quelle condizioni... ma alla fine è andata bene! :D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...