giovedì 12 luglio 2012

Servizio sanitario cortesemente muori



Caro servizio sanitario,
parliamo.
Nel mio ultimo anno di vita ho passato il tempo a scrivere lettere a destinatari inesistenti. E no, inesistenti non è una scelta lessicale erronea, è proprio così, inesistenti.
Ho scritto ad un datore di lavoro (ditemi che esiste, su dai, provateci) e adesso a te, mon cher.

Servizio sanitario vedi,
io le raccomandazioni ormai le capisco e le compatisco. Io non invidio o provo rabbia per i raccomandati, provo tanta pena. Immagina come deve essere brutto per delle persone essere talmente coscienti del proprio scarso valore da cercare aiuto altrove, da sapere di non farcela da soli, perchè poco preparati, poco intelligenti, poco volenterosi.
E' una tristezza immensa se ci pensi, gente conscia di essere inutile, si abbassa a farsi dare una sana pedata, per arrivare là dove mai arriverebbe per merito.
Che mortificazione, che brutta cosa.
E quindi insomma, 5 minuti di silenzio per questi poveri uomini o donne e passiamo a noi.
Dicevo che i raccomandati, pace all'anima loro, li comprendiamo anche: non funziona niente perchè i nostri uffici sono pieni di questa povera gente, li utilizziamo come rifugio degli inutili.
Però vabbè, pazienza, non potremo spedire una lettera, nervi a go go, ma nessun morto.
Invece servizio sanitario parliamo dei TUOI raccomandati.

Io sono siciliana, noi isolani abbiamo il mare e non meritiamo medici, per punizione.
Per avere un parere medico dobbiamo espatriare, in caso di urgenza pregare.
Però, servizio sanitario, dimmi una cosa.
Tu, tramite lo stato, altro destinatario immaginario, sostenete controlli e minchiate varie.
Ma, mon cher, dimmi un po', come mai i medici prendono prenotazioni con la mutua 2 volte al mese? E come mai, coincidenza puttana, quando i medici sono pieni (quelli della mutua), i macchinari dell'ospedale sono STRANAMENTE fuori uso?.
Converrai con me che è un caso quantomeno curioso.
E dimmi un'altra cosa, come mai i medici dell'ospedale, dopo che ti visitano, ti suggeriscono una visita SPECIALISTICA?
Ma loro che sono, fruttivendoli?
Cioè andassi da uno con un'insegna del tipo "serrande qui", lamentandomi del mal di schiena, me lo aspetto che mi dica "stellamia vai da un medico", ma un medico che mi dice "stellamia vai da un medico" mi pare, come dire?, quantomeno curioso?

Perchè la gente fa carte false per cambiare reparto? Perchè la gente ha paura di essere ricoverata in un determinato reparto perchè il primario, cugino/nipote/trombamico di un politico "nella migliore delle ipotesi non capisce un cazzo?".

Mi incuriosisce tutto ciò.

Ma, amico immaginario, una cosa soprattutto.
Io non sono un medico e, per fortuna, soffro ancora, per fortuna l'empatia mi è rimasta, sto male una giornata anche se vedo un gattino malato.
Capisco che i medici, per sopravvivere, diminuiscano, affievoliscano l'empatia.
Ma empatia non è sinonimo nè di educazione, nè di intelligenza.

Quindi caro medico capace di rispondere, alla richiesta di info:
"aspittamu ca fa u bottu" (aspettiamo che faccia il botto);
"portatevelo, tanto muore";
e altre cose IRRIPETIBILI, non ti auguro nè morte nè malattie, sono una persona empatica IO, ti auguro di incontrare un medico come te, un medico che ti tolga la speranza, ti dica le stesse cose, ti faccia provare quello che tu fai provare alla gente.
E succederà, credo nel destino e credo che la ruota giri.

E se non gira posso sempre lanciartela in testa.

4 commenti:

  1. Come ti capisco.
    Piero

    RispondiElimina
  2. :-( La spiegazione che mi sono data ai vari "Tanto poi muore" rivolti alla mia piccola ancora in grembo era: sono abituati a vedere casi simili, quindi per loro quella è normalità. E ciò li porta a dare notizie del genere nel più cruento dei modi: "guardi signora" -rivolgendosi a mia madre- "guardi quanto è bellina sua nipote...è una femminuccia, non lo sapeva? Si muove, si mette le manine in bocca...guardi guardi, ora si ciuccia il piedino! Peccato che poi muore".
    Poi ogni volta che mi viene in mente quella scena, la spiegazione che sempre mi dò non mi soddisfa, e mi dico che purtroppo c'è gente che manca di umanità e, come dici tu, empatia. Come se i casi impossibili o senza speranza non meritino un po' del loro coinvolgimento emozionale.
    Bisogna avere le spalle forti per sopportare questa ignoranza. Tu ce le hai. E se stai vicina a chi quelle parole erano rivolte, sopporterà pure lui/lei... l'affetto delle persone più care è la migliore arma e la migliore medicina.
    Non t'angustiare, continua a essere la persona meravigliosa che sei, il mondo ne ha bisogno! :-)
    Un forte, fortissimo abbraccio (non caloroso - già Minosse lo è abbastanza- ma freschissimo) da Ari e Poppi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che hanno detto a te e alla tua piccola è vergognoso e, più che mancanza di empatia, sembra quasi cattiveria. Tua figlia è l'esempio lampante che i "miracoli" o "gli errori di valutazione dei medici" esistono, perchè un cucciolo di 1,800 kg aveva deciso che avrebbe vissuto e lo ha fatto.
      I medici dovrebbero capire che la speranza è una delle poche cose che abbiamo, soprattutto oggi, periodo in cui ci stanno togliendo anche la dignità. Dovrebbero imparare a farsi una domanda "ma se lo dicessero a me..." e tutto migliorerebbe. E dovrebbero avere anche un po' di istinto di conservazione, perchè se io fossi stata presente alla frase che ha detto il medico, a sua moglie avrebbero detto: "signora porti un barattolino dello yogurt che glielo mettiamo lì".

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...