sabato 15 dicembre 2012

Un Natale di seconda mano






Giorni fa sono stata a Catania.

Mi piace Catania, è una bella città, allegra, solare, gente simpatica.

Sono stata al mercatino.
Il mercato di Ct è abbastanza grande, si trova di tutto (compresi citofoni con i cognomi ancora attaccati) e per adesso anche le deocorazioni natalizie.
Amo il Natale, s'era notato?
Nastri per l'albero come se fosse quello di niù iork, nastri con i quali ho un rapporto catulliano.
Odi et amo.
Li adoro, sono colorati e sperluccicosi ma li posiziono demmerda, che pare che è passato furia cavallo del west SOPRA al mio albero.
Ma vabbè anche il Natale storto ha il suo perchè.

Torniamo al mercato.
C'è una parte con carne, pesce, frutta, salumi, formaggi, cose misteriose, socchegghiè (per i non bilingui "everything").
Una parte del mercato è molto economica, presumo sia la parte dedicata alle cose di seconda mano.

Ho visto moltissimi anziani rifornirsi di abiti caldi per l'inverno e una nonna scegliere con amore dei pupazzetti , forse per il Natale dei nipoti.

Mi si è stretto il cuore.

Non perchè ritengo triste comprare roba usata, limita anzi il consumismo e si dà nuova vita ad oggetti vari.
E' triste che sia l'unica opzione.
E triste che chi lavora non possa andare in un negozio e scegliere ciò che desidera.
E' triste che chi ha lavorato una vita non possa comprare ai suoi nipoti i Gormiti o chi per loro (abbiate pietà, il mio parente maschio più ggiovane ha 26 anni).

Ho visto una mamma dare dei grissini alla bimba perchè abitano ad UN' ORA dalla scuola della bambina e non possono permettersi una macchina.

Se io gestissi uno Stato del genere, mi vergognerei profondamente, non riuscirei a guardarmi allo specchio la mattina e indossare il mio abito da mille euro.
Non riuscirei a prendere l'auto blu e andare a lavoro.
Non riuscirei a sedermi a tavola a Natale e mangiare come se non ci fosse un domani.
Non riuscirei a guardare i miei figli aprire regali strafighi e pensare a quei bambini che riceveranno un cane di pezza.
Ma per vergognarsi ci vuole dignità e noi non ne abbiamo.

Io non vi auguro cattiverie perchè sono troppo buona.
Vi auguro di dover guardare vostro figlio negli occhi e dovergli spiegare perchè lui non può fare i compitiandareacalcettoegiocareconlawii, perchè il pomeriggio, deve chiedere le elemosina.


E Napolitano?

Sai quanti cazzo di gormiti ci venivano con 8000 euro al mese?






4 commenti:

  1. Difficile commentare stavolta. Ho scritto e cancellato almeno tre volte.

    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, immagino.
      E' triste digerirle queste cose :)

      Elimina
  2. secondo me quelli non hanno idea di che vita fa la maggior parte della gente. l'ho capito sentendo le cazzate che ha sparato in questi mesi la fornero. quelli vivono in un universo parallelo rispetto al nostro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai qual è la cosa grave? Che secondo me l'idea ce l'hanno e se ne fregano beatamente.
      Credo che nemmeno noi però, abbiamo idea di come vive molta gente, la differenza sta nel fatto che cerchiamo di capire e di aiutaree...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...