venerdì 9 gennaio 2009

Poteva andare peggio (?)

Yes, we can... (o yes weekend!)

E non sapete quanto.
Dopo avere introdotto il prepartenza è cosa buona e giusta parlarvi del viaggio.
Io e Marta (disastro e imprevisto per gli amici) partiamo con un'unica prenotazione: il volo d'andata.
Per il resto tanta, tanta fiducia.
Ah avevamo il sacco a pelo e la tenda.
Se chi so io ha finito di ridere inizio a raccontare.


Start.

28: De dei bbbiforr...
La sera il diluvio universale, no linee dei telefoni, no luce.
Conseguenza: niente taxy prenotato, valigie romanticamente al buio.


29: si parteeee!!!
Diluvio universale, niente linee, chiamo il taxy via skype urlando: AVENIDAAAA OLOOOF PALMEEEE... PAAALMEEEE.... OLOOOOF... estamì...
Nelle scale si rompe il borsone di Marta...se il buongiorno si vede dal mattino...

La colazione:


Ma entriamo nel vivo delle nostre vacanze.
Arriviamo sane e salve nonostante l'aereo dei puffi e nonostante il pranzo dell'aereo


All'aeroporto ci mettono in mano una busta con una maglietta e una scheda telefonica, scattano una foto e noi tipo dementi non capiamo se dobbiamo pagare, se dobbiamo ringraziare, chi siamo, da dove veniamo...
Se è il sussidio per i poveri...

Ma ci rallegriamo del fatto che è una maglietta pulita... blu, con la scritta vodacom, xl, ma pulita.
Fossero stati calzini...

Il posto è meraviglioso, sole, mare, caldo, uccelletti, niente taxy...
Con un furgoncino scassato arriviamo alla nostra capannina.

Mareee
Non riteniamo opportuno mettere la crema per cui la sera siamo giovani, belle e bruciacchiate.

Decidiamo tralaltro di sfoderare gli ultimi recenti, improbabili acquisti: 2 fermagli che fanno molto molto mare, molto molto tahiti e molto molto schifo.




30: Magaruque
Prenotiamo un'escursione con un uomo macabro, col nome macabro, con la macchina macabra. Rodriguez... che se non hai il mantello, il cavallo e il fioretto devi essere per forza assassino e stupratore.
Ci alziamo presto, che sarà mai abbiamo 8 ore di sonno in 4 giorni, NON prendiamo il caffè e si parte.
Facciamo amicizia con i sudafricani che alle 9 del mattino ci offrono un gin tonic, credo sperassero nel miracolo.
Si, perchè chi mi conosce sa a che livello sono le mie qualità intellettive la mattina senza caffè. Marta quasi quasi mi supera.

Insomma questo summit di cervelli si avvia verso un barchetta tenuta insieme con lo sputo.

Pago l'escursione con i piedi a bagnomaria.
Ovviamente mica esiste il pontile.
Non sia mai.
La barchina si raggiunge via mare, con scarpe in mano e borse sopra la testa.
Tipo Re Magi, una dopo l'altra io con scarpe e borsa, Marta con scarpe e acqua.
Siccome noi siamo furbe una cifra, prima lanciamo le scarpe e l'acqua in barca, poi con balzo felino, stile olio cuore saltiamo in barca.
L'avete mai vista una barca col fondo a punta?
Io nemmeno.
Il fondo della barca era a punta, "pareggiato" da una stuoia...
Le nostre scarpe e l'acqua sono state risucchiate nel limbo...
Sentendoci molto geniE osserviamo il fondo della barca e ci chiediamo perchè su 18 persone, cioè 36 scarpe solo le nostre sono decedute.
Recuperiamo le mie, piangiamo quelle di Marta.

Ad ogni onda le scarpe di Marta riemergono dal buio e hanno pure una faccia triste.
Ora,
anche Marta ha una dignità... mica poteva cercare di recuperarle sfruttando il favore della marea...


E io me la immaginavo così...




... a cercare di afferrare le scarpe...











Cmq...
L'isola era meravigliosa, noi avevamo capito che il sole bruciava e ci siamo messe la crema...



... solo davanti...



... e poi abbiamo fatto 3 ore di snorkeling...



Si lo so... basta così...



Tutte queste figure di mm sono state fatte davanti ad un barcarolo che + barcarolo non si poteva...
figo, abbronzato, che faceva virili lavori da Guomo e che virilmente guidava la bbbarca...
e che cci aveva le spalle virili, la schiena virile, i bbicipiti virili e un cul ehm... e tanto altro di virile...
Che + o meno appena s'è levato la maglietta è partita la canzone...

Alternative content


Invidiateci un po' va:





























31:
Cotica pelosa... e qui mi fermo... per la mia dignità..
Io e imprevisto siamo state in spiaggia abbiamo visto una tipa che ballava muovendo parti del corpo che io o non ho o che non si muovono se non insieme ad altre 12 e ci siamo sentite ignobilmente scoordinate..
poi ha diluviato...


non ci siamo mica bagnate...
no no

Mica stavamo dentro una capanna di bambù...
Mica ci sono caduti pezzi di tetto in testa...
E mica il bambù bagnato puzza di cane bagnato morto...

no no
Però fa tanto 2 cuori e una capanna...





Questa la mia compagna di viaggio, diventata a fine vacanza mio marito...
Vi prego di notare il fermaglio...


Il resto nella prossima puntata...





Ah... ma ve l'ho detto dove siamo state?

A Vilanculo...

Giuro...

8 commenti:

  1. Che invidia!
    Se poi restringiamo l'attenzione ai giorni 29-30 sono ancora più invidioso :P
    (Ma tutti i meravigliosi e folkloristici parallelismi che spargi nei post sono ricercati o ti vengono in mente da soli? :D)

    RispondiElimina
  2. Guarda dopo tutto quello che c'è capitato i parallelismi fioccano...
    :P

    Cmq wow un commento a 5 minuti dal post mi farà sentire felice e parecchio figa per almeno 12 ore...
    Le conqui ne saranno felici

    RispondiElimina
  3. Ok ok commento....va bene?!?

    Comincio col dire che se il mio nome da persona residente a Vilanculo (la parafrasi ha ovvi motivi) è Imprevisto, quello della mia compagna di viaggio doveva essere Organizzazione...se aspettate il resoconto dei restanti 4 giorni non avrete bisogno che io spieghi il perchè del cambio con Disastro!
    Non ho molto da aggiungere alla sconcertante obiettività dei fatti narrati, ma voglio che siate consapevoli di una cosa, una soltanto: ciò che vi è stato raccontato finora è il meglio, il paradiso, lo "scialo" come lo chiamiamo noi capitolini!
    Se avete letto con attenzione vi starete chiedendo cosa altro può esserci successo...
    Beh, noi siamo qui per testimoniare che il fondo non esiste e la pala per scavare è sempre a portata di mano. E ve lo dimostreremo!
    Della serie "abbiamo visto cose che voi umani europei ecc, ecc..." e perciò ve le racconteremo noi!
    Con tanto affetto e un'infezione intestinale che profuma di malaria, o colera a scelta!

    Alla prossima,
    Marta alias Imprevisto prolisso.

    RispondiElimina
  4. Marito mio...
    nella gioia e nel dolore, nella salute e nella cacarella...
    ... o era malattia?...
    Ma lo sai l'assurdo? io mi sono divertita un sacco! :P

    RispondiElimina
  5. Lo so,
    non si ride delle disgrazie alrui, ma....

    ...IO NON CE LA FACCIO A SMETTERE!!!!
    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA

    PS: hai mai pensato che la nuvoletta di Fantozzi si sia innamorata di te?!!?
    Arianna

    RispondiElimina
  6. Almeno qualcuno mi ama....
    :'(

    RispondiElimina
  7. Talpa Rilassata14 gennaio 2009 03:14

    Ciao marta sono Fabio!!!! Dico almeno prima di morire cerca di scoprire di cosa stai per morire (faccio finta di non immaginare quante volte tu ti possa essere grattata da qui alla fine del mio commento)... Comunque ti posso assicurare che per te, solo per te, unicamente per te ci metteremo a cercare il bigliettino dei baci perugina più carino da poter scrivere come epitaffio sulla tua lapide.
    Vabbè basta cavolate me sento un gufo.
    Spero tu stia bene e che stia notando la maestria nell'utilizzo dei congiuntivi XD.
    Vabbè martuz ti mando un bacione da far far away (ricordi shrek) TI VOGLIO BENE!!!

    RispondiElimina
  8. Talpa Rilassata14 gennaio 2009 03:16

    P.S. me so scordato na cosa ... Appena potete mettete più foto possibili sul blog.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...