mercoledì 16 ottobre 2013

Perchè io viaggio

Dovete sapere che un mio amico mi chiama ironicamente Signorina Gps e un altro mi dice che ho il senso dell'orientamento di un piccione viaggiatore.
Morto.
A casa mia il senso dell'orientamento è stato distribuito in parti uguali tra mio padre e i muri.
Io ne ho un po', poco, quello per la stretta sopravvivenza.
Mia madre e mio fratello appartengono a quella categoria umana che girata 3 volte su se stessa non trova la porta.
Della propria stanza.
Dopo questa doverosa premessa, dovete sapere che sono andata a trovare un'amica, che abita in un paesino a 29 km da qui.
Meoddeo.
VENTINOVE km per me sono tipo 19 km oltre le colonne d'ercole.
La terra finisce, si cade giù e tanti saluti.

Però oltre ad essere miss gps sono una che deve assolutamente saper fare ogni cosa, mica benissimo eh, almeno il 6 politico.

E poi ho detto: "ma sticazzi, siamo nell'era tecnologica, uso il tomtom e non lo confesserò mai a nessuno. Fino alla morte".
Quindi salgo in macchina, non mi sono portata l'acqua per decenza e rispetto verso l'umanità pendolare per cui 29 km da casa al lavoro sono identificati come "dietro l'angolo", e prendo il tomtom.
Bene tomtom portami a casadiamica.
Tempo di percorrenza UN'ORA E QUARANTUNO MINUTI.
o.O
Tomtom va bene che sono spratica, ma mi pare eccessivo.
141 km.
Devono avere sposato casadiamica o il mio tomtom è pazzo.

Uso per cui il cellulare.
Ma anche il vostro navigatore è ignorante?
Il mio ha portato avanti una personale lotta contro gli accenti.
"Gira in via Erodòto, dritta per via Màrconi, Via Cicèrone"...
Ma di chi è la voce? Di NatashadaRRussiah?

Comunque ovviamente mi sono persa, perchè il mio navigatoredemerda perdeva il gps in due momenti:
a- in prossimità degli incroci;
b- là sui monti con Annette, che se ti perdi o impari a belare per chiedere informazioni o ti spari e aspetti che facciano una battuta per cercarti.

Ad un certo punto sono arrivata in un paesino che secondo i miei sensi da ragno era casadiamica, ma non mi pareva giusto fermare una persona a caso e chiedergli "Buongiorno, siamo a casadiamica?", per cui ho chiesto "sa dove sono le POSTE?".
Che almeno mandavo una lettera alla mia famiglia e tramite il timbro postale potevano risalire al luogo in cui m'ero persa.

Comunque ho trovato casadiamica, abbiamo bevuto il the, parlato di lavoro e poi me ne sono andata.
Col buio.
Di NOTTE (19.30).
Prima di uscire ho fatto la pipì.
Così, per una sicurezza interiore.

Ho ripreso il navigatore, fatto un bel respiro e iniziato il VIAGGIO.
Non si vedeva una ceppa La visibilità era notevolmente ridotta, la strada fa schifo, mi aspettavo che da un momento all'altro uscisse dai cespugli un bigfoot o un animale mitologico random.
Se avete sentito riecheggiare delle bestemmie erano quelle dell'omino dietro di me quando:
A- rallentavo all'improvviso perchè perdevo il gps;
B- sbandavo perchè guardavo il cell;
C- mettevo la freccia a destra e andavo a sinistra;
D- mettevo la freccia a sinistra e andavo a destra;
E- tutte e 4 le cose insieme.

Tutte le volte però mi premuravo di aprire il finestrino e urlare nella notte: MI DISPIACEEEEEEEEEEEEE; MI SCUSIIIIIIIIIIIII; NON VOLEVOOOOOOOOOOOOOOO; MI SONO PERSAAAAAAAAAAAAAAA; mi perdoni perchè non so quello che faccio.
Sul serio.

In macchina ho messo la musica truzza, perchè mi dava potenza.
Quindi immaginatevi quant'ero figa mentre con la musica a tutto volume chiedevo scusa alla gente, cantando "Can't get you out of my head".
Andando a 20 km orari in versione vecchia appiccicata al vetro per leggere i cartelli.

Appena ho visto la periferia di valledilacrime ho tipo pianto.
Ho addirittura messo la terza.
E sono entrata in città, trionfante, maledetta da metà degli automobilisti della provincia, cantando:



Io però ho evitato di leccare le palme e stuprare i bambù.



9 commenti:

  1. AhHaAHAh! Fortissima! Io con il navigatore vado bene. Sui rettilinei. Però 3 giorni fa ho attraversato la Francia per tornare in Inghilterra, sotto circa 400km di pioggia. ( non guidavo solo io eh!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Clyo, ti dirò, io in Mozambico guidavo tranquillamente, andando anche in Zimbabwe.
      E' che qui è troppo confusionario e le strade sono pessime, altrimenti mi sarebbe bastato seguire la segnaletica :'(

      Elimina
  2. Anche io mi perdo anche sotto casa ma di solito giro con i mezzi pubblici (che se li imbrocchi ti lasciano esattamente dove pensavi) e con delle praticissime mappine disegnate a mano in tasca (spesso di dimensione da miniatura perché amo farmi del male XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui è più facile vedere un unicorno che un bus...

      Elimina
  3. Ahahaha mi fai morire. Ho regalato il navigatore a mio fratello qualche Natale fa. Lo sbaglio più grande è fidarsi ciecamente di lui. Mio fratello si è fidato, sono andati in montagna e mentre moglie e figli lo supplicavano di cambiare strada lui insisteva a seguire le indicazioni. Morale: sono dovuti andare a tirarli fuori col camion. Da quel giorno la parola Tomtom è tabù.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH oddio :'D

      Elimina
  4. Torna sana a casa ca a mamma ti vasa!!!

    RispondiElimina
  5. Ahaha, io faccio tutte queste cose ma senza rallentare, tengo i 70 come limite minimo che qui dalle mie parti non puoi mica fare tappo,.. Chissà perchè ma quando ti perdi di notte - e da miope scenderesti volentieri dall'auto per leggere le insegne - c'è sempre qualcuno dietro che ha fretta e ti preme e ti acceca pure quel poco di diottrie rimaste... Così sfrecci saltando l'uscita, tanto recuperi dopo (molto dopo). Comunque sempre meglio del navigatore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio sto morendo dalle risate. Mi sono auto-immaginata al buio, in un incrocio, che leggo i cartelli :'D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...