giovedì 11 aprile 2013

Toglietemi tutto, ma non la mia colazione

Oggi parleremo di giornalism, di scrittor, di esperti di immigraz, di gente con accesso ad un computer.
Un giornale on line ha pubblicato un pezzo sul nuovo dramma dei cittadini di A.:
dopo la MOVIDA della città, non possono fare colazione in pace perchè ci sono gli stranieri brutti e cattivi.
La domanda sorge spontanea: quale movida?

Ma continuiamo e leggiamo cosa fanno questi mostri. Il tizio continua dicendo che, gli immigrati disturbano tale momento di serenità, tale momento bucolico, perchè minacciano per le troppe birre, insultano gratuitamente, disturbarbano e cagionano parapiglie usando anche armi da taglio.

1- Stella? i refusi. Hai scritto UNA paginetta, ce la possiamo fare.
2- Stella? Non voglio eliminare le tue certezze, ma parapiglia è invariato al plurale.
3- Mylove? Li hai visti i tuoi concittadini all'uscita dalle discoteche? Se ti dicono l'ora non puoi guidare mezzi con ruote per 1 mese.

Io faccio spesso colazione in questo luogo popolato da gente brutta e cattiva e non m'hanno mai morsa, giuro. Non ho mai visto nessuna minaccia con o senza armi da taglio.
Ma magari avevano giorno libero, stavano andando a rubarci il lavoro o a stuprare le nostre donne e le nostre figlie.

Dopo, l'ominide aggiunge che le forze dell'ordine non possono fare niente e che invitano a farsi giustizia da soli.

Ma chi l'ha detto che non possono fare niente? Ma io che leggi ho studiato? Quella del nonesistozakistan? Aggressione, lesioni, sono reati, mica solo per gli italianibravagente.

E forze dell'ordine?
Io li denuncerei. Vi fanno passare per nullafacenti e istigatori all'odio razziale, alla giustizia sommaria.
Non ne uscite pulitissimi

"Welcome to jungle" avrebbe detto una nota rock star. Aggiunge l'omino.
No amico, avrebbe detto welcome to THE jungle.
T'assicuro.

Aggiunge che è demoralizzante che percepiscano 35 euro al giorno e che abbiano più accesso alle case popolari e ai servizi perchè considerate categorie protette.

CATEGORIE PROTETTE?
Ma chi? Ma che cosa? Ma che si creano le categorie protette di notte?
35 euro al giorno? Ma chi? Ditemelo che cambio nazionalità, divento congolese e vengo in Italia.
Più accesso alle case? Amico ma lo sai che SOLO in questa allegra città viene richiesto agli stranieri il certificato di abitabilità dello stabile per il rinnovo del permesso di soggiorno?
Ma certo che lo sai.
Come sai che chi ci guadagna di più nella gestione di cie e cara (sai che sono vero?) sono, nella maggior parte dei casi, coloro i quali li gestiscono.
Italiani.
Brava gente.

E aggiunge l'ingiustizia somma: gli italiani che fanno la fila per un pasto caldo alla caritas.

Stella? Ma tu...
Lo sai dov'è la caritas?
No così, per capire.
E comunque gli italiani non fanno certo la fila per colpa degli immigrati. Ancora questa storia che ci tolgono il lavoro? Ma dai, evolvetevi, VI PREGO.
Gli italiani fanno la fila per un sistema politico e governativo che è stato votato, indovinate da chi?
Dagli italiani!

L'omino continua aggiungendo che l'odio nei confronti del diverso è nel nostro dna e non c'è possibilità di sopprimerlo completamente.

Nel tuo, amico, nel tuo.

Lungi da voler dire che sono tutti bravi, belli e gentili e dall'aprire un capitolo sul perchè accadono determinate cose.
C'è brutta gente, esattamente come tra gli italiani. Però prima di criticare provate a chiedervi perchè la gente (italiani e stranieri) ruba, a volte è FAME, perchè lo stato permette agli stranieri di chiedere asilo e gli dice "sì ma non puoi lavorare eh? vivi d'aria".
E non mi rispondete con la solita statistica delle carceri, inventata di sana pianta.
E non mi rispondete che ci rubano il lavoro, sappiate che se smettessero di lavorare si fermerebbe mezza italia.
E STUDIATE prima di scrivere un articolo, leggetevi due leggi, due notizie.
Una grammatica italiana.

E soprattutto.
Alzate il culo.
Che giudicare mentre ballate in discoteca è troppo, troppo comodo.

13 commenti:

  1. C'é brutta gente... Che scrive sui giornali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tragedia è che c'è troppa gente che gli dà ascolto...

      Elimina
  2. Queste cose mi disturbarbano parecchio. ;)

    RispondiElimina
  3. Troppa gente è autorizzata scrivere su una qualsivoglia testata giornalistica... sono delle mine vaganti questi incompetenti! Il problema è sempre quello in Italia: se ognuno di noi facesse il mestiere per cui è preparato, andrebbe tutto meglio...ad esempio, il tipo che ha scritto una cafonata del genere lo vedrei bene a spalare letame nelle stalle...sempre se le mucche non si offendono, of course!

    La storia delle 35€ al giorno l'ho sentita raccontare pure io un sacco di volte. E ogni volta mi imbatto in una animata discussione contro l'allocco di turno che crede a una boiata del genere...
    -Ari-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Povere mucche...

      La storia dei 35 euro al giorno è uguale a "ci rubano il lavoro, stuprano le nostre mogli e rubano i nostri bambini".

      Elimina
  4. Mauro Indelicato12 aprile 2013 15:03

    Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo Mauro, ho dovuto censurare il tuo commento, non perchè fosse offensivo, anzi elogiava il blog con mio grande piacere, ma perchè non gradisco nomi e cognomi di gente non interpellata. Ho evitato di inserire il link dell'articolo perchè non mi interessa bacchettare nessuno, semplicemente esprimere il mio punto di vista.

      Riassumo per correttezza il commento: Chi scrive sottolinea che l'articolo non è di un collaboratore, ma di un cittadino in uno spazio offerto per sottolineare i problemi della città. Si sottolinea che il giornale non può operare censure.

      Il giochino iniziale delle parole "tagliate" ad inizio post sottolineava il fatto che non fosse nè un giornalista nè un esperto di nulla.
      Apprezzo lo spazio per i cittadini, come apprezzo il giornale che è tra i pochi che non mostra morbosità in determinate notizie (eviterò di raccontare cosa mi era stato chiesto da un direttore di giornale), che è imparziale e ben fatto.
      Tuttavia non sono d'accordo sulla censura. Non la chiamerei nemmeno censura ma controllo. E controllo non sui temi ma sul modo di scrivere. Tu, meglio di me in quanto giornalista, sai che devono esserci fonti certe (i 35 euro sono follia) e che si deve stare attenti, in una città come questa soprattutto, a non alzare polveroni.
      La lettera mirava a questo.
      La polizia ne usciva in maniera pessima.
      Il giornale, serio, ne usciva non bene.

      Il mio post nasce anche da critiche all'articolo ricevute da amici, molti dei quali lavorano nel settore dll'immigrazione.
      E' un peccato, che per una sciocchezza del genere, un giornale ben gestito perda "punti".
      Io spero sempre che le mie non vengano lette come critiche sterili, ma, con TRE cose buone che abbiamo, vi prego, manteniamole pulite.

      Elimina
  5. Mauro Indelicato12 aprile 2013 15:56

    Sarà interesse nostro allora, le prossime volte, evitare questi "cavalli di troia" :D consiglio accettato.
    PS: la tua critica è stata molto costruttiva, per nulla sterile...quando le controparti sono libere ed esprimono le proprie opinioni, è sempre un piacere! A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissimo! Manteniamo pulite le cose che abbiamo :)
      Sono contenta la mia critica sia stata utile ed è stato un piacere confrontarsi con te :D

      Elimina
  6. Mauro Indelicato13 aprile 2013 20:20

    Piacere reciproco :P

    RispondiElimina
  7. Mannaggia a noi che non abbiamo fatto nascere Adele in Mozambico dandole nazionalita' la'. Avrebbe avuto 35 euro al giorno che dubito avra' facilmente nel futuro se tutto continua cosi.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mannaggia pure a noi che non siamo diventate cittadine là. Avremmo uno stipendio, la casa, le cure mediche gratis, saremmo categorie protette e tutto senza muovere un dito.
      Devo chiedere al tipo se anche il parrucchiere viene gratis.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...