lunedì 29 aprile 2013

Pasta con il pesce


Come fare la pasta col pesce:

Andate dal pescivendolo e comprate un pesce, scegliendolo usufruendo di tutta la vostra competenza da siciliana doc in materia: "quello lì, mi dia quello lì luccicante, che almeno fa coreografia".

Andate a casa col pesce decapitato, che fa tanto padrino, e procedete a sfilettarlo.
Potrete, per aiutarvi, guardare un video su youtube, che vi farà rendere conto che sfilettare il pesce è davvero semplice.
Su youtube.
L'omino sfiletterà il pesce con la mano destra, mentre con la sinistra suona starway to heaven e progetta di conquistare il mondo.
Voi tratterrete il respiro, perchè anche quello vi distrae in modo irreparabile.

Fingete di scegliere il coltello con competenza. Come se davvero conosceste la differenza tra il coltello per tagliare il pane e quello per sfilettare il pesce.
Inserite il coltello tra la pelle e la carne del pesce, la carne il dito si staccherà in un sol gesto.

Scoprite che il pesce ha più spine di quante immaginavate. Toglierle ad una ad una non è conveniente, a meno che il pesce non sia per il cenone di Natale.

Maledire il pesce non facilita l'operazione.
Manco la madre del pesce.
Manco tutta la palazzina del pesce.

"'Sto stronzo" non è una giustificazione valida con gli ospiti.

Ponderare di concedersi sessualmente ad un pescivendolo la prossima volta non vanifica le battaglie delle femministe. E' autoconservazione.

"Tagliate a tocchetti non troppo piccoli i filetti di pesce" può essere sinonimo di "prendete la poltiglia dell'animale da voi squartato e ponetela in un piatto".
Possibilmente diverso da quello in cui avete messo le spine.

Soffriggete un aglio diverso da quello che vi è caduto a terra e avete spiaccicato con la scarpa e aggiungete l'omogeneizzat i filetti di pesce.

Affogateli nel vino bianco, nella migliore tradizione degli alcolisti anonimi, e aggiungete il pomodoro ciliegino precedentemente sbollentato.
Sì, quello che avevate deciso fosse pronto quando risaliva in superficie, manco fosse uno gnocco.
O un salmone.

Lanciate le tagliatelle in padella, dimenticate il prezzemolo e servite ad atterriti ospiti.

Adesso potete rimuovere l'aglio da sotto la suola.


12 commenti:

  1. A casa mia il pesce si prende tutto già pulito e congelato. Magari sarà un filo meno saporito ma si risparmiano molti insulti all'intera generazione ittica mondiale ;-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Sicilia se compri il pesce surgelato e pulito ti espellono.
      Perdi la cittadinanza :'(

      Elimina
  2. uhm, si dai mi hai fatto proprio voglia di mangiare quel bel pesciolino!!!!. sei molto brava a scrivere però scrivi pochino, io apro la pagina tua tutti i giorni e no non sono una stalker!!roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Graaaaaaaaaaazie! Io mi emoziono sempre quando mi scrivete queste cose.
      Prometto di impegnarmi di più :D

      Elimina
  3. Partigiano Olmo29 aprile 2013 21:01

    quando avete finito di preparare il tutto uscite e andate al ristorante!!!! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pasta è venuta buonissima.
      Tiè.

      Elimina
  4. nonostante uno scetticismo iniziale, dopo averla gustata, confermo che la pasta con il pesce era squisita, da ristorante con "7 stelle e 1/2 michelin"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "scetticismo iniziale", come se vi avessi mai avvelenati, ma vedi un po' :P

      Elimina
  5. Ho le lacrime!

    (Io l'avrei buttato in forno con qualche patata intorno e chi s'è visto s'è visto!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, io sono troppo testarda. Dovevo vincere io.
      Per ora c'è stato un pareggio.

      Elimina
  6. Noi siciliane abbiamo il complesso del pesce: soprattutto le siciliane nate in montagna, come me. Se un penisolano ti sente dire che non sai da dove iniziare per cucinare un pesce, ti dirà, senza ombra di dubbio "ma come, tu sei siciliana e non sai cucinare il pesce?!?!?". Ogni volta rispondo così: "perché, se abiti vicino a un aeroporto devi per forza saper volare?!?".
    Son siciliana, e non so cucinare il pesce, anche se mi piacerebbe farlo. E se il pesce non me lo sventra e pulisce il pescivendolo, son cavoli miei. E soprattutto, di chi poi lo deve mangiare.
    Solidarietà estrema a te, sorella!!! Non sei sola su questa terra!
    -Ari-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHAHAAH Ary è vero! Sapessi quante volte mi hanno guardata sconvolti perchè in quanto italiana dovevo saper fare la pasta fresca.
      Manco fossi Giovanna Rana.

      Comunque se noi siciliane abbiamo il complesso del pesce (che detta così è tutta un programma), immagina le Olandesi che brutto complesso hanno ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...